ASIA/PAKISTAN - Le Chiese in Pakistan: solidarietà ai musulmani rohingya in Myanmar e tregua immediata

Rated: , 0 Comments
Total hits: 11
Posted on: 09/13/17
Lahore – Forte condanna degli attacchi subiti dal popolo dei rohingya in Myanmar, e piena solidarietà e vicinanza a quella popolazione musulmana: è quanto esprime una dichiarazione firmata dal presidente della Conferenza episcopale Cattolica del Pakistan, l’Arcivescovo Joseph Coutts, e dal presidente della Commissione nazionale “Giustizia e pace” , il Vescovo Joseph Arshad. Nel testo, inviato all’Agenzia Fides, i Vescovi pakistani sollecitano la leader Aung San Suu Kyi ad essere “faro della pace e garantire i diritti delle persone rohingya” e si appellano al governo democratico del Myanmar perché “cessi immediatamente tutte le operazioni militari nello stato Rakhine”.
Il comunicato giunto a Fides esorta inoltre la comunità internazionale e il governo del Pakistan ad “avviare un dialogo con l’esecutivo del Myanmar per difendere i diritti umani dei rohingya e consentire alle organizzazioni umanitarie di accedere e portare aiuti alle comunità colpite”.
I Vescovi pakistani rimarcano il sostegno ai valori della coesistenza e della tolleranza e assicurano ai musulmani rohingya “intense preghiere per la loro sicurezza e benessere, sperando che si possa trovare al più presto una soluzione pacifica”.
Il testo ricorda che in Asia, in molti casi, le minoranze etniche e religiose sono vittime di oppressione e persecuzione, ed esprime preoccupazione per gli oltre 300mila rohingya fuggiti dalla zona di conflitto e rifugiatisi in Bangladesh: “Almeno 20.000 persone, tra le quali donne e bambini, sono insediate in un territorio montuoso senza cibo e acqua” si rileva, invitando a provvedere immediatamente alla necessaria assistenza umanitaria.
Anche il Vescovo pakistano Humphrey Peter Sarfaraz, a capo della “Church of Pakistan” , ha condannato “il brutale genocidio della comunità musulmana dei rohingya in Myanmar” e ha chiesto che “i musulmani oppressi possano ottenere la nazionalità”. Il governo birmano “non difende la causa dei diritti umani e non ha il diritto di trattare i musulmani come animali e umiliarli”, ha aggiunto. “Tutti i credenti devono sollevare la loro voce per l'umanità, in difesa di questo popolo innocente”, ha concluso, lanciando un appello ai cristiani e musulmani in tutto il mondo.

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Most Popular

groene Laserstraal
De groene laser pointer met vijf standaard situaties krijg je een gratis draagtas, zodat alle verschillende systemen en de laser ... ...





Login


Username:
Password:

forgotten password?