ASIA/PAKISTAN - Il sistema educativo promuove intolleranza e discriminazione: il nuovo Rapporto "Fede e futuro"

Rated: , 0 Comments
Total hits: 42
Posted on: 03/06/18
Islamabad - I libri di testo, i programmi scolastici e il sistema di istruzione del Pakistan sono viziati dalla promozione dell'intolleranza e discriminazione verso le minoranze religiose. Lo stato, a maggioranza musulmana, ha creato un ambiente in cui i non-musulmani sono considerati "cittadini di seconda classe", con minori diritti e privilegi. Si mette in dubbio il loro patriottismo e il loro contributo alla società viene ignorato. Lo afferma il nuovo rapporto "Fede e futuro: Discriminazione sulla base della religione o del credo nell'istruzione", realizzato e edito dalla Ong di ispirazione cristiana "Christian Solidarity Worldwide" . Il Rapporto indaga le violazioni del diritto e della libertà di religione in contesti educativi in cinque paesi: Birmania, Iran, Messico, Nigeria e Pakistan.
In particolare in Pakistan - afferma il testo inviato all'Agenzia Fides - i libri di testo sono scritti "per creare un'immagine monolitica di Pakistan come stato islamico e dei cittadini pakistani solo come musulmani", escludendo di fatto i non musulmani dall'identità nazionale e mancando di "riconoscere e celebrare la diversità religiosa ed etnica del Pakistan". Il Rapporto ricorda che durante gli anni '80 l'allora dittatore generale Zia-ul-Haq ha avviato un processo di islamizzazione della nazione, dando all'istruzione un orientamento ideologico, e facendo sì che l'ideologia islamica permeasse il pensiero delle nuove generazione. Il tutto, si spiega, per rimodellare la società secondo i principi islamici. Gli effetti di questa operazione "si avvertono ancora dappertutto nella società, in particolare nell'ambito del sistema educativo", si legge nel testo di CSW.
Sikh, indù, cristiani, ahmadi e altre minoranze religiose soffrono di gravi violazioni delle libertà religiosa in questo contesto. I programmi, ad esempio, sono pieno di contenuti e linguaggio dispregiativo verso le minoranze religiose; verso gli insegnanti e gli studenti non-musulmani vi sono atteggiamenti discriminatori e tentativi di conversione all'islam; gli studenti delle minoranze - denuncia il Rapporto pervenuto a Fides - sono abitualmente sottoposti ad abusi fisici e psicologici, inclusi maltrattamenti e bullismo.
Il cattolico pakistano Cecil Chaudhry , Direttore esecutivo della Commissione "Giustizia e Pace" dei Vescovi cattolici pakistani, commentando il quadro istituzionale, ha dichiarato: "Questa intolleranza minaccia l'intero tessuto sociale della nostra nazione. Urge affrontare seriamente la situazione del sistema educativo discriminatorio in Pakistan".
Il diritto all'istruzione è sancito in Pakistan dalla Costituzione del 1973. Oltre 6.5 milioni di bambini non sono attualmente iscritti alla scuola primaria e altri 2,7 milioni non sono iscritti alla scuola secondaria. Il tasso di abbandono è alto e il piano d'azione nazionale, sviluppato nel 2013, non è riuscito a migliorare i dati complessivi. Secondo l'Unesco, in Pakistan l'istruzione è spesso di qualità estremamente bassa, e c'è bisogno di aumentare l'investimento della spesa pubblica . Il tema dell’istruzione e della riforma del sistema educativo è uno dei temi che si affronta nella campagna elettorale, dato che le elezioni politiche sono previste a luglio 2018.

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Most Popular

groene Laserstraal
De groene laser pointer met vijf standaard situaties krijg je een gratis draagtas, zodat alle verschillende systemen en de laser ... ...





Login


Username:
Password:

forgotten password?